Commercio unificato dalla A alla Z

Il 72% dei retailer ha dichiarato che il loro buon proposito per il 2022 sarà quello di sfruttare al massimo il commercio unificato*! Consapevoli dei cambiamenti delle abitudini dei consumatori, i retailer hanno capito l’importanza di muoversi verso l’omnicanalità e il commercio unificato.

E’ importante conoscere tutte le caratteristiche e le potenzialità del commercio unificato per poterlo sfruttare al meglio, pertanto in qualità di esperti di commercio unificato e leader europei nei sistemi di gestione degli ordini, noi di OneStock abbiamo formulato un glossario. Uno strumento semplice e di facile utilizzo per fare chiarezza nella moltitudine di termini in inglese, abbreviazioni, acronimi e sigle che gira attorno al commercio unificato.

A – ACQUISTI

Perché tutto inizia da un consumatore che vuole acquistare un prodotto. Dovunque esso si trovi, online o in negozio, dovunque l’articolo si trovi, il retailer si deve di rendere l’esperienza di acquisto la più semplice possibile. Il Commercio unificato è proprio questo: offrire tutti i percorsi di acquisto e di reso possibili, da compro online, ritiro in negozio a prenoto online e vengo in negozio per provarlo a compro online, restituisco in negozio fino a compro in negozio e faccio il reso nella mia cassetta della posta…

B – BORIS

BORIS é un nuovo acronimo inglese che che vuol dire compro online-restituisco in negozio (Buy Online, Return In Store). Si tratta di un bisogno che ci é rimontato sempre più spesso dai retailer italiani che vogliono dare la possibilità ai propri clienti di rendere i prodotti acquistati – anche se acquistati online – in store. E’ un servizio molto apprezzato dai clienti ed allo stesso tempo permette al personale in negozio di vendere un nuovo prodotto alla persona che è venuta in negozio per restituire gli articoli acquistati via ecommerce.

C – Click & Collect

Permettere ai clienti di ritirare i propri acquisti online in un negozio scelto da loro. Grazie allo stock unificato, gli ordini Click & Collect possono ora essere preparati da qualsiasi punto di stoccaggio: dallo stock del negozio di ritiro (per offrire il ritiro espresso), dal magazzino principale o da un altro negozio.

D – Disponibilità prodotto

Uno dei primi benefici per i retailer che propongono una soluzione di commercio unificato è quella di gestire al meglio le carenze e combattere gli esaurimenti scorte.
In effetti in un mondo non unificato il retailer non può vendere ad un consumatore un prodotto non disponibile (per esempio in media un retailer ha un tasso di indisponibilità del 30% sul suo sito ecommerce). Ed invece nel magico mondo del commercio unificato il retailer può vendere prodotti che non sono disponibili perché sono disponibili altrove nella rete, o sono in fase di approvvigionamento.

E – E-commerce

Il commercio unificato ha soprattutto un impatto sul business ecommerce del retailer. Da un lato il commercio unificato, come spiegato qui sopra, migliora la disponibilità dei prodotti vendibili online e dall’altra permette al retailer di offrire ai suoi consumatori e-commerce tanti nuovi servizi quali click & collect express o prenota online.

F – Future Stock

Lo stock futuro, aumenta la gamma dei prodotti disponibili per la vendita inserendo tra i prodotti disponibili anche quelli di uno stock in fase di rifornimento, in transito o disponibile per l’ordine da un fornitore. Particolarmente rilevante in un contesto logistico di medie dimensioni, il future stock permette ai retailer di evadere ogni acquisto dei clienti visualizzando continuamente lo stock disponibile ed evitando così che si rivolgano a un concorrente per i loro acquisti.

G – Global Expansion

Grazie ai sistemi di gestione degli ordini, al commercio unificato e all’unificazione dello stock lo sviluppo internazionale può essere facilitato e accelerato. I retailer possono utilizzare lo stock dei loro negozi locali per lanciare la loro attività di e-commerce in nuovi mercati. Non c’è bisogno di investire in magazzini dedicati nelle nuove aree o di spedire sistematicamente dal Regno Unito. Per esempio, Okaïdi spedisce il 100% dei suoi ordini web dai suoi negozi in Romania, Slovenia, Polonia e Svizzera.

H – Headless Commerce

Ogni canale di vendita ha un modo diverso di interagire con i clienti e diversi obiettivi. Tuttavia, è lo stesso brand che viene rappresentato e potenzialmente lo stesso cliente connesso. Il cliente, quindi, si aspetta un’esperienza unificata e personalizzata in tutti i canali che utilizza. L’Headless Commerce separa i sistemi frontend da quelli backend senza impattare negativamente sulle informazioni visualizzate (front-end) e creando esperienze specifiche e personalizzate per ogni canale.

I – In-Store Appointments

Gli appuntamenti in negozio permettono ai vostri clienti di prenotare un appuntamento personalizzato con un collaboratore del negozio direttamente dal vostro sito web. Questo vi permette di offrire ai clienti un’esperienza di shopping premium e di aumentare il numero di articoli acquistati (x3 per le marche di moda).

J – Job = Lavoro

Il commercio unificato e i sistemi di gestione degli ordini (OMS), oltre a migliorare l’esperienza del cliente, migliorano anche il lavoro e le operazioni quotidiane dei vostri dipendenti in negozio. Centralizzazione di tutti i servizi omnicanale su un’unica interfaccia, guide passo dopo passo per la preparazione degli ordini, consulenza ai clienti accedendo a tutte le loro informazioni e alla cronologia degli ordini, gestione dei resi, elaborazione dei pagamenti in negozio… Tutti questi vantaggi si sommano a quello più importante che assicurerà una strategia omnicanale di successo: gli addetti alle vendite saranno ricompensati per ogni ordine web spedito o preparato e potranno così raggiungere più facilmente i loro obiettivi di vendita.

K – Km

Parliamo di ultimo chilometro! La spedizione/consegna ultimo chilometro è la più costosa (20% del costo totale della catena di approvvigionamento), ed è per questo che i retailer devono lavorare sulla sua ottimizzazione. Con il commercio unificato, è possibile orchestrare gli ordini il più vicino possibile all’indirizzo del consumatore. Si può offrire la consegna a domicilio (Ship from Store) dal negozio più vicino per ridurre il costo del trasporto o il ritiro in negozio (Click & Collect) per ridurre i tempi di ritiro.

L – Logistica

Il commercio unificato, soprattutto grazie ad una piattaforma di tipo OMS, permette di avere una migliore visibilità dei diversi stock di un retailer e quindi permette al retailer di fare la migliore scelta possibile quando bisogna decidere da quale punto di stock prendere gli articoli acquistati dal consumatore. L’OMS aiuta quindi i retailer a semplificare e ottimizzare le proprie operazioni logistiche, sia a monte – operazioni da magazzino a magazzino e da magazzino a negozio- sia quelle dell’ultimo chilometro.

M – Marketplace

Un marketplace è una piattaforma che mette in contatto gli acquirenti con diversi brand all’interno di un unico sito web. E’ un canale di vendita aggiuntivo ed è molto vantaggioso per i retailer essere presenti in uno o più marketplace. Grazie ad un sistema di gestione degli ordini, gli ordini effettuati sui marketplace possono essere orchestrati e spediti dal magazzino principale o dalla rete di negozi.

N – Negozi

I cosiddetti pure player non hanno la migliore risorsa dei retailers Brick&Mortar: i negozi fisici! I negozi sono un luogo dove i clienti possono toccare con mano i prodotti, provarli facilmente, farsi consigliare. Il commercio unificato ridà la giusta importanza ai negozi che diventano sia un luogo dove i clienti e-commerce possono recarsi se vogliono provare un prodotto prima di acquistarlo, sia dei punti di stock locali e più vicini ai consumatori da dove per esempio è possibile inviare degli articoli nel caso questi articoli non fossero più disponibili nel magazzino che normalmente gestisce la consegna a domicilio.

O – Order Management System

L’Order Management System o OMS è una soluzione di commercio unificato progettata per centralizzare e ottimizzare la gestione degli ordini, dalla presa in carico dell’ordine alla ricezione/ritiro.

Per raggiungere questo obiettivo, l’OMS si basa su 4 concetti fondamentali:

1. Stock unificato: unificare e rendere disponibili le informazioni su tutte le scorte (magazzino/i, negozi, fornitori, scorte future…) per tutti i punti vendita (negozi, web, marketplace…)

2. Orchestrazione o distribuzione degli ordini (DOM): la capacità di spedire gli ordini secondo le regole stabilite dai retailer che tengono conto di redditività, velocità, smaltimento delle scorte, impronta carbonica, ecc.

3. Servizi unificati per i clienti: dare ai collaboratori del negozio la possibilità di accedere a tutte le informazioni sui clienti e allo storico degli acquisti e facilitare processi come il monitoraggio degli ordini, la modifica e i resi.

4. Strumenti di preparazione: fornire ai dipendenti del negozio gli strumenti necessari per preparare un ordine passo dopo passo: prelievo, imballaggio, stampa della bolla di consegna, deposito in un’area dedicata, consegna del pacco al corriere o al cliente.

P – Promessa di Consegna Ordine (Delivery Promise)

Lo scopo di una promessa di consegna è quello di mostrare informazioni affidabili e accurate sul sito web per quanto riguarda la disponibilità di magazzino, i metodi di consegna, i tempi di consegna associati e l’impronta carbonica che ogni metodo di consegna ha. L’esperienza di acquisto che il cliente avrà sarà senza ombra di dubbio perfettamente allineata con le sue aspettative.

Q – Queue Busting / Queue Boosting

Durante i periodi di grande affluenza nei negozi, i clienti possono fare il loro pagamento direttamente con gli addetti alla vendita che sono nello store, evitando così le lunghe code che spesso fanno desistere il cliente dall’acquisto. Gli addetti alla vendita possono ricevere i pagamenti dai loro tablet offrendo così un checkout più veloce, aumentando la soddisfazione dei clienti  e migliorando la loro esperienza di acquisto nel negozio.

R – Resi

I clienti vogliono acquistare ovunque e poter fare il loro reso ovunque. Il commercio unificato colma il vuoto tra i diversi canali e assicura che le informazioni di magazzino siano aggiornate nel momento stesso in cui il reso viene fatto e quindi che il prodotto possa essere rimesso in vendita in pochissimo tempo.

S – Ship From Store

Ship From Store è una delle soluzioni leader del commercio unificato! Permette di utilizzare gli store come mini-magazzini. Grazie all’unificazione dello stock e all’orchestrazione degli ordini, i negozi che sono autorizzati a gestire un ordine ricevono una notifica. Il negozio più veloce prende l’ordine e si occupa della spedizione. Questo bilancia tutte le scorte del negozio e riduce il numero di articoli invenduti alla fine della stagione, inoltre aumenta l’entusiasmo dei collaboratori del negozio, rendendo più facile il raggiungimento dei loro obiettivi.

T – Trasferimenti

Possibilità di spedire da un negozio a un altro degli articoli per bilanciare gli stock e ridurre il numero di articoli invenduti. Per esempio, è possibile trasferire lo stock a un altro negozio per un Express Click & Collect o a negozi outlet per operazioni di destoccaggio.

U – Unificazione degli stock

Lo Stock Unificato è la base per tutti gli scenari omnicanale. Crea una visione unica di tutto il vostro stock fisico – magazzino/i, negozi (filiali, franchising, corner…), drop-shipper, fornitori, stock futuri… – e fornisce una visione accurata e affidabile ai vostri team e ai vostri clienti. Potrete inoltre scegliere quale stock rendere disponibile per la vendita su ogni canale di vendita per ottimizzare l’esperienza e la coerenza omnicanale del brand.

V – Visibilità

Il vostro OMS deve permettervi di avere una visibilità globale dello stock ma anche degli ordini omnicanale per offrire diversi livelli di analisi: monitoraggio delle attività in tempo reale, monitoraggio degli ordini, visibilità dell’efficienza di ogni punto di spedizione, visibilità del tempo medio di esecuzione di ogni punto di spedizione, monitoraggio dell’efficienza delle regole di orchestrazione, ecc.

W – WISMO (Where IS My Order= Dove si trova il mio ordine)

Indipendentemente da quale canale digitale scelga il cliente (sito di e-commerce, marketplace, ecc.), deve avere la possibilità di tracciare il suo ordine in modo affidabile e preciso. In questo modo, potrete ottimizzare l’esperienza post-acquisto dei vostri clienti.

X – Xmas

Christmas, Saldi, Black Friday, Cyber Monday… Il numero di operazioni commerciali è in aumento e di sicuro avrete riscontrato che alcuni dei vostri canali funzionano meglio di altri e gli stock sono sbilanciati. Grazie al commercio unificato e all’unificazione delle scorte, sarete in grado di vendere tutti i vostri articoli disponibili fino all’ultimo articolo che si trova sullo scaffale di un negozio a bassissima affluenza.

Y – Yes!

Dite di sì! Qualunque sia il canale di vendita, non lasciate che i vostri clienti se ne vadano perché la loro taglia non è più in magazzino o non avete il colore da loro scelto. Offrite un’esperienza di acquisto veramente unificata, i vostri addetti alle vendite potranno dire “L’articolo che ha scelto non è in magazzino, ma posso ordinarlo per lei! Vedo che la sua camicia è disponibile in un altro negozio, posso spedirgliela direttamente entro 2 giorni, o, se preferisce, tornare domani a ritirarla :)”

Z – Zero emissioni

Con il commercio unificato e l’orchestrazione degli ordini, state lavorando per una logistica più green! Darete ai vostri clienti la scelta di inquinare meno visualizzando l’impronta carbonica di ogni modalità di consegna. Ottimizzerete le operazioni logistiche e potrete scegliere modalità di trasporto green come la bicicletta per le consegne Ship From Store. Infine, meno rimanenze negli store a fine stagione significano meno resi al magazzino, meno rifiuti e quindi meno inquinamento.

Per saperne di più sul commercio unificato e le nostre soluzioni omnicanale, contattateci!

Altre letture